Storia Generale      
           
Periodo/Anno Civiltà Dinastia Protagonista Avvenimenti  
8000 a.C.       A Gerico in Palestina un gruppo di persone crea un insediamento protetto da mura  
5300 a.c. - 3400 a.c. cultura di Obeid     Età Paleolitica di Obeid (5300-3400 a.c.), con le culture di orzo e lino si passa dal nomadismo  alla coltivazione.  
Inizia il fenomeno dell'urbanizzazione che avrà piena realizzazione nell'età di URUK (3400-3000 a.c.)  
        La cultura di Obeid si sviluppa in quella che sarà detta l'area dei Sumeri  
4900a.c.-4300 a.c. periodo di Obeid II     Eridu XIV-XII (strato) città della Mesopotamia tra le più antiche individuate  
4300a.c. 3900a.c. periodo di Obeid III        
3° millennio a.c. Preistoria     l'introduzione della comunicazione scritta identifica, meglio di qualsiasi altro avvenimento il passaggio dalla Preistoria alla Storia.  
2° millennio Civiltà dei Fiumi     Alla fine del IV millennio a.c. sulle rive dei grandi fiumi, Nilo Tigri Eufrate, nascono e si affermano le prime grandi civiltà statali.  
2.350-2.200  AKKAD Sargon I   controllo di regioni minerarie e commerciali in mesopotamia  
        da Baghdad, Hit, Samarra fino al Golfo Pesico, sud e estremo sud sono occupati dai Sumeri, a nord il popolo di Akkad  
        Eridu e Ur anticamente sul mare (golfo Persico) poi retrocesse all'interno a causa dei depositi fluviali di Tigri e Eufrate  
2.200 Sumeri     Il re di UR (Urnammu o Shulgi) istituisce un sistema giudiziario che prevede le testimonianze giurate e e autorizza i giudici a condannare i colpevoli al pagamento di indennizzi alle vittime.  
3,400 - 3.000 a.c. Sumeri     la cultura di URUK e sviluppo della altre città-stato sumeriche  
sostituzione dei grandi mattoni arcaci con la mattonella  
uso - per la prima volta - della scrittura cuneiforme su piccole tavolette  
impiego del sigillo cilindrico  
passaggi pedonali sui tetti - case attaccate  
  Sumeri     In Mesopotamia, tra Tigri e Eufrate, si stabiliscono i Sumeri, sfruttano i territori che le tracimazioni dei fiumi rendavano fertilissime  
3.000 - 2,650 a.c. Sumeri     graduale urbanizzazione della città  
sorge Mari - diventa presto una importante città in posizione strategica ai fini commerciali  
1.750 Sumeri     Hammurabi creò il primo impero Mesopotamico nel XVIII° secolo a.c. con capitale Babilonia - distruzione di Mari  
Mari e Ebla  
È grazie alle scoperte archeologiche che oggi conosciamo l'importanza che ebbero due città, Mari e Ebla. Mari, sul medio Eufrate, è stata scavata da una missione archeologica francese, che ha rivelato una grande città con una reggia immensa (30.000 m²) e un archivio contenente 25.000 tavolette scritte in cuneiforme in una lingua simile all'accadico. La città di Mari non dominò mai un vasto territorio, ma aveva raggiunto, in particolare verso il 1800 a.C. una grande prosperità, grazie alla sua posizione geografica, crocevia di importanti vie di comunicazione. Più volte sottomessa da altri popoli fu distrutta da Hammurabi. Ebla, nella Siria settentrionale, era appena conosciuta per nome, prima che una missione archeologica italiana, tra 1964 e 1976, ne scoprisse le rovine.  
  Sumeri      Le migliaia di tavolette cuneiformi in arcaico semita ritrovate a Ebla hanno dato un grande contributo alla conoscenza della storia orientale, accertando che Ebla fu la capitale di un ricco regno, ben organizzato, che esercitò, verso il 2400 a.C., l'egemonia su tutta l'Alta Siria e su altre terre dall'Anatolia meridionale al medio Tigri e Eufrate, compresa Mari, con una penetrazione commerciale più ampia. L'impero di Ebla fu indebolito e poi distrutto da Sargon e dai suoi successori.  
  Sumeri     .  
1366 a.c Assiri     Tra il XIV e lì XI secolo a.c. gli Assiri iniziano un periodo di conquiste fino a raggiungere una delle massime estensioni nel 1.080 a.c. con il sovrano Tiglat-Pileser I.  
611 a.c. Assiri     Tre secoli dopo, nel VII secolo a.c. con il re Tiglat-Pileser III, arrivarono alla massima dimensione, dal golfo Persico al Mediterraneo, comprendendo l'Egitto.  
  Assiri     Fu un alleanza tra Medi e Babilonesi che riusci ad avere ragione dell'agguerrito ed efficientissimo esercito Assiro, distruggendo le due capitali storiche, Assur e Ninive.  
  Babilonesi     Sulle ceneri dello stato degli Assiri sorse, alla fine del VII secolo a.c., il secondo impero babilonese ad opera di Nabopalassar e Nabuccodonosor.  
-  
Industria: al fabbisogno di pietre i babilonesi sopperiscono con la scoperta e produzione dei mattoni  
  Babilonesi     Nabuccodonosor conquistò la Palestina deportando gli ebrei a Babilonia  
Nabucco di Verdi a Nabuccodonosor si devono i "Giardini di Babilonia, una delle 7 meraviglie del mondo"  
  Babilonesi     Giunse a minacciare il regno Egizio.  
538 a.c. Babilonesi     Il regno Babilonese dovette cedere di fronte alle truppe persiane guidate da Ciro il Grande che occupò la Babilonia.  
3.000 a.c. Egitto     La civiltà del Nilo, perché la storia del popolo egizio è indissolubilmente legata al suo fiume  
ritardo della cultura ubana della valle del Nilo: iniziata nel V secolo a.c con le prime ceramiche  
  Egitto     Il Nilo è la fonte di ricchezza e di aggregazione  
  Egitto     La storia dell'antico Egitto è scandita dal succedersi delle dinastie dei Faraoni, termine che indica sia la persona del re, sia il suo palazzo, centro del potere politoco ed economico dello stato.  
3.000 a.c. Egitto     ad opera del faraone Menos avviene in questro periodo l'unificazione degli antichi regni dell'Alto e del Basso Egitto - fondata la 1° dinastia.  
2.900 a.c. Egitto     inizia la cultura faraonica classica  
contatti tra Mesopotamia e Egitto - gli eigiziani imparano l'uso del sigillo cilindrico e delle tavolette a rilevo  
3.000-2230 a.c  Egitto Antico Regno   Antico Regno: si collocano qui alcuni dei faraoni più noti: Zoser, Cheope, Chefren, Micerino. Narmen fu il sovrano che compì l'unificazione.  
2000 a.C. Egitto     I re del''Antico Egitto non furono guerrieri e conquistatori, l'unica conquista fu la Nubia, a sud del regno.  
  Egitto     La fine dell'Antico Regno fu determinata da cause di natura economica.  
2.000-1785 Egitto Medio Regno   Dopo 200 anni di regno intermedio, abbiamo il Medio Regno  
  Egitto     Il Medio Regno fu contraddistinto dall'egeminia delle dinastie originarie della città di Tebe e dallo sviluppo parallelo degli scambi commerciali e delle attività culturali.  
  Egitto     Il Medio Regno fu interrotto dall'arrivo degli Hyksos, principi guerrieri nomadi che portarono una momentanea disgregazione del regno.  
XIV-XI secolo a.c. Egitto Nuovo Regno   Il faraone tebano Ahmosi riunificò l'Egitto aprendo un nuovo periodo, il "Nuovo Regno".  
  Egitto     Il Nuovo Regno copre il periodo (XIV-XI) in cui avvengono due fenomeni fondamentali: la crescente influenza politica dei sacerdoti di Ammon, Dio di Tebe, e la politica di espansione verso l'Asia condotta dia Faraoni della XVIII° dinastia che conquistarono la Palestina e la Siria fino all'Eufrate.   
  Egitto     I Faraoni della XiX° dinastia, in particolare il famoso Ramses II, continuarono l'espansione portando la guerra agli Hittiti.  
Studiando la mummia di Ramses II si è scoperto che Ha vissuto 92 anni, regnando per 63 anni.      Ha avuto circa 100 figli con le concubine, pur essendo innamoratissimo della moglie Nefertari.  
525 a.c. Egitto     Dall'inizio del I millennio a.c. il regno egizio inizia una lunga decadenza che lo porterà nel 525 a.c. ad essere conquistato dal re persiano Cambise e alla fine dell'indipendenza.  
  Egitto     Negli anni successivi si succederanno le dominazioni persiana, greco-macedone, romana.  
III - II millennio a.c  Ebla     Ebla, scavata nel 1964 da una missione archeologica italiana, porta importanti tracce di una notevole civiltà nata tra il III e il II millennio in territorio siriano. ~ 1000 anni  
  Ebla     Ebla, con l'altra capitale Mari, mantenne il dominio del territorio siriano, sfruttando una posizione strategica tra il regno mesopitamico e quello egizio, dal 2.400 a.c. fino alla metà del XV° secolo quando fu definitivamente soggiogata dagli Egizi.  
III millennio a.c. Semiti e indoeuropei     Nel III millennio a.c. i popoli cosiddetti Indoeuropei arrivarono dal Danubio e dall'odierna Russia: erano Hittiti, Cretesi, Micenei  
XIX - XVIII secolo a.c. Hittiti     Gli Hittiti giunsero nel cuore dell'Anatolia.  
  Hittiti     Conquistarono tutta l'Anatolia (attuale Turchia) fino al Mar Rosso. La capitale aveva nome Hattushash.  
  Hittiti     Il sovrano Hittita non è assoluto, ma coadiuvato da uno potente consiglio di nobili.  
  Hittiti     Le leggi sono più miti rispetto a quelle degli altri popoli dell'epoca.  
  Hittiti     La risorsa fondamentale è l'agricoltura insieme con una industria estrattiva e metallurgica.  
1750 - 1300 a.c  Hittiti     Il periodo di massima espansione Hittita va dal 1750 al 1300 a.c., la successiva decadenza della civiltà Hittita, datata con la fine del II° millennio, è provocata dallo scontro con l'impero Egizio e con quello Mesopotamico.  
III - II millennio a.c  Creta     Fra il III° e il II° millenmnio a.c la cultura del bronzo indoeuropea si diffuse nelle isole del Mar Egeo e soprattutto a Sud nella grande isola di Creta  
  Creta     La civiltà di creta è detta anche Minoica dal nome del mitico re di Cnosso, Minosse.  
  Creta   Minosse La leggenda di Minosse narra che il re di Cnosso, Minosse, fosse il costruttore del mitico labirinto in cui era rinchiuso il suo mostruoso figlio dalla testa di toro, il Minotauro. Al Minotauro venivano tributati in omaggio dagli Ateniesi 7 ragazzi e 7 ragazze ogni anno, che egli divorava.  
  Creta     La leggenda di Minosse simboleggia l'egemonia politica e commerciale esercitata da Creta nei primi secoli del II° millennio a.c, su tutto l'Egeo e oltre.  
  Creta     I commerci cretesi con i paesi del Mediterraneo centro-orientale, erano costituiti da scambi di prodotti artigianali, agricoli, manufatti di bronzo e di argento.  
  Creta     Soltanto verso il 1600 a.c. i Cretesi volsero la loro attenzione anche verso la grecia peninsulare e in particolare verso il Peloponneso.  
  Creta     Il loro influsso fu determinante per la nascita della prima grande civiltà della penisola ellenica, la civiltà micenea.  
2.300 a.c. Ebrei     Palestina - primi centri urbani - dal XIX secolo sorgono le città fortificate di  
Magedda - Gerico  
La terra di Canaan, dal nome dei suoi antichi abitatori, i Cananei, corrisponde agli attuali stati di Esraele, Siria, Giordania, Libano.  
  Ebrei     In contrasto con la sua esiguità geografica, quest'area divenne, negli ultimi anni del II° millennio a.c., un importantissimo centro di nuove culture.  
  Ebrei     Oltre che dei Cananei era stata la terra del Aramei, provenienti dall'Arabia.  
  Ebrei     Dal XIII° secolo a.c in poi fu la sede dei Filistei e degli Ebrei.  
  Ebrei     Al tempo di Ramses II° gli Ebrei guidati da Mosè lasciarono l'Egitto e si diressero verso la Palestina.  
  Ebrei     Gli Ebrei conquistarono Canaan e successivamente si scissero nel regno di Israele a Nord e di Giuda s Sud, quest'ultimo, il più longevo, cadde ne VI secolo a.c. ad opera dei Babilonesi  
II° millennio a.c. Fenici     A Nord degli insediamenti ebraici si erano stanziati all'inizio del II° millennio a.c., i Fenici.  
  Fenici     Di stirpe semita, i Fenici praticarono una agricoltura ad alta specializzazione e un ottimo artigianato.  
  Fenici     Il loro nome è soprattutto legato all'invenzione dell'alfabeto fonetico a alla attività marinara.  
  Fenici     Essi stabilirono una fitta rete commerciale ed un sistema di colonie in tutte le coste del mediterraneo.  
  Fenici     Furono poi sottomessi e divennero tributari di Egizi, poi Assiri, Babilonesi, Persiani, ma mantennero una forte autonomia commerciale.  
1600-1500 a.c. Greci Micenea   Ioni e Achei, insediatisi nella penisola greca e nel Peloponneso entrano in contatto con la civiltà cretese iniziando il processo evolutivo che si svilupperà con la civiltà micenea.  
  Greci Micenea   Oltre a Micene, la più importante civiltà achea, sorgono Argo, Tirinto, Pilo, Tebe, Atene che costruiranno grandi palazzi e grandi tombe reali  
  Greci Micenea   Altro motivo determinante di civilizzazione e evoluzione fu la comparsa della scrittura.  
1400 a.c. Greci Micenea   I micenei conquistano Creta che, dopo un periodo di splendore, è adesso in decadenza politica e commerciale.  
  Greci Micenea   Dopo la conquista delle isole dell'Egeo i micenei volsero l'attenzione e la conquiste verso le coste dell'Asia Minore (Attuale Turchia).  
  Greci Micenea   La civiltà micenea fu costituita da una quantità di piccoli stati, spesso limitati ad un'unica città e relativo contado, dominati da un re patriarca che condivideva la vità quotidiana e l'attività dei sudditi (agricoltura, pastorizia, artigianato).  
1200 a.c. Greci Micenea   I territori conquistati dai micenei sono investiti da migrazioni Indo-Europee, tra cui i Dori.  
700 a.c. Greci Poleis   Questo portò a modifiche culturali (scrittura alfabetica fenicia) e politiche che portarono, con l'integrazione delle varie etnie elleniche, alla creazione del modello statale delle Polis.  
  Greci Poleis   Nel corso del 8° secolo in quasi tutti gli stati greci i poteri del sovrano miceneo passarono progressivamente nelle mani dei capi delle famiglie nobili che si spartirono le competenze e le funzioni del monarca e gli insediamenti urbani rinnovati assunsero il nome di Poleis..  
  Greci Poleis   Le nuove città si svilupparono intorno a 2 centri vitali:  
  Greci Poleis   l'Acropoli: il tempio della divinità protettrice e  
  Greci Poleis   l'Agorà: la grande piazza dove si riuniva il popolo e si svolgevano le manifgestazioni collettive della vita civile.  
  Greci Poleis   Nella Polis, per la prima volta nella storia, i cittadini possono partecipare alla cosa pubblica: alla vita politica della città e all'amministrazione dello stato.  
  Greci Poleis   A causa delle limitate risorse agricole, con la crescita demografica, i greci delle Poleis furono costretti a emigrare verso terre fertili.  
  Greci Poleis   I territori colonizzati furono quelli dell'Asia Minore (Mar Nero), dell'Italia Meridionale (c. d. Magna Grecia), della Sicilia, della Francia, della Spagna.  
  Greci Poleis   Particolarità dell'azione colonizzatrice ellenica fu la rapidità con cui le colonie ottennero autonomia dalla madre-patria e poterono esse stesse dedicarsi alla conquista di nuovi territori.  
  Greci Poleis   L'estendersi dei territori greci portò un grande sviluppo del traffico nel mediterraneo battuto anche da Etruschi, Fenici, Romani e grandi possibilità di arricchimento.  
600 a.c. Greci Poleis   A rendere ancor più agevoli i commerci fu l'introduzione della moneta come mezzo di scambio.  
  Greci Poleis   Il conflitto di classe tra l'aristocrazia e le classi emergenti di commercianti e artigiani portò in quasi tutte le Poleis nel VII-VI secolo alla creazione delle tirannidi.  
  Greci Poleis   I tiranni erano in genere nobili passati dalla parte del popolo.  
  Greci Poleis   I tiranno furono generalmente favorevoli al popolo e cercarono di conquistarne il favore con la distribuzione di terre ai contadini, con politiche favorevoli ai commercianti e agli imprenditori marittimi.  
  Greci Poleis   Nonostante la politica positiva dei tiranni, questi non resistettero a lungo, presto sostituiti dal governo diretto dal popolo che aveva preso coscienza del proprio potere.  
  Greci Poleis   L'esempio più clamoroso fu quello dell'ottimo Pisistrato (568-528 a.c.) tiranno di Atene.  
  Greci Atene   La città attica di Atene emerse come leader della grecia continentale.  
  Greci Atene   Solone (inizio del VI secolo) grande legislatore ateniese, stese una legge costituzionale che prevedeva:  
  Greci Atene   divisione dei cittadini in classi censitarie calcolate in base alla produttività delle terre possedute.  
  Greci Atene   dalla classe censitarie discendono la possibilità del cittadino di accedere alle cariche pubbliche e l'inquadramento nei ranghi dell'esercito.  
  Greci Atene   Tutti i cittadini, anche i nullatenenti  partecipano all'assemblea pubblica in cui si eleggono i magistrati e si giudicano tutti i reati tranne i delitti più gravi contro la persona e contro lo Stato.  
  Greci Atene   Per quanto innovativa la costituzione di Solone non soddisfece gli ateniesi che chiamarono a governare il tiranno Pisistrato.   
  Greci Atene   Il suo governo fu buono, ma le classi medie emergenti volevano più potere, segui così un periodo di guerre civili che portò infine al potere Clistene.  
  Greci Atene   Clistene fu il vero fondatore della democrazia ateniese.  
  Greci Atene   Clistene suddivise gli ateniesi in 10 tribu territoriali in cui il peso delle numerose classi medie fu prevalente rispetto al potere delle classi nobili.  
600-400 a.c Greci Atene   Tra il VII e l'inizio del V secolo Atene è egemone del mondo ionico attico.  
  Greci Atene   Gli organi della democrazia ateniese nella definitiva stesura di Clistene erano:  
  Greci Atene   - l'Assemblea Pubblica, formata da tutti i cittadini, con funzioni di controllo politico.  
  Greci Atene   - La Bulè, consiglio di 500 membri, 50 per tribù, che proponeva la leggi al voto dell'Assemble Pubblica.  
  Greci Atene   - Magistrati e giudici, scelti per sorteggio, con un mandato annuale, su elenchi forniti dalle tribù.  
  Greci Atene   - Gli unici magistrati non sorteggiati erano i 10 strateghi, cui era affidato il comando dell'esercito, eletti annualmente dai demi.  
  Greci Atene   Magistrati e giudici che hanno demeritato possono essere revocati in qualsiasi momento dall'assemblea mediante l'istituto dell'ostracismo.  
  Greci Atene   Erano esclusi dal dirito di voto nell0assemble pubblica: le donne, i meteci (stranieri residenti) e gli schiavi.  
600-400 a.c Greci Sparta   Sparta è la città guida del Peloponneso Dorico.  
  Greci Sparta   Sparta era dominata da una aristocrazia di proprietari terrieri che si dedicavano esclusivamente all'esercizio dell'arte militare.  
  Greci Sparta   Gli aristocratici o Spartiati erano i soli a godere dei diritti civili e controllavano la politica dello stato sulla base dei principi della legge fondamentale attribuita al leggendario legislatore Licurgo.  
  Greci Sparta   Gli Spartiati si riunivano nell'assemblea detta Apella, che in genere approvava le proposte del Gerusia, il consiglio degli anziani.  
  Greci Sparta   Al vertice dello stato spartano stavano 2 re e un collegio di 5 magistrati, gli Efori, eletti annualmente dall'Apella.  
  Greci Sparta   Agli Efori spettava la giustizia, il controllo dell'amministrazione, delle leggi e sull'operato dei re.  
  Greci Sparta   La classe senza privilegi era quella degli Iloti, privi di diritti civilie al servizio degli spartiati.  
  Greci Sparta   Intermedi erano i Perieci, contadini e artigiani, senza diritti politici, ma non costretti al lavoro obbligatorio e non considerati schiavi.  
II° millennio a.c. Persiani     Medi e Persiani erano calati nel 2° millennio a.c dall'Asia centrale e dalla valle dell'Indo sull'altipiano iranico.  
  Medi     I Medi si insediarono nell'Iran settembrionale mentre i Persiani occuparono le regioni meridionali dell'altipiano, ai confini dell'impero Assiro.  
  Medi     Inizialmente i Medi furono gli egemoni della regione, divenendo i principali avversari della potenza assira.  
612 a.c. Medi     Il re medo Ciàssare occupò la capitale assira Ninive e promosse una spartizione dell'Assiria fra medi e Babilonesi. Lo stesso Ciàssare conquistò l'Armenia e il regno di Urartu.  
i medi erano celebri per l'abilità e la forza dei loro arcieri  
550 a.C Persiani Achemenidi   I persiani, guidati dalla dinastia degli Achemenidi si ribellarono ai Medi e riuscirono a creare un unico stato.  
550 a.C Persiani Achemenidi Ciro Sotto il re Ciro (detto il grande) nacque il grande Impero Persiano che si estese a tutta l'Asia Minore, alla Mesopotamia, alla Siria e Canaan, all'Afganistan, fino ai confini dell'India.  
529 a.c  Persiani Achemenidi Ciro Ciro il grande morì combattendo contro gli Sciti  
525 a.c. Persiani Achemenidi Cambise Il figlio di Ciro, Cambise, nel 525 a.c conquistò l'Egitto, proseguendo la marcia fino a Cirene.  
500 a.C Persiani Achemenidi Dario Successore di Cambise fu Dario che conquistò a Oriente la Valle dell'Indo, ad Occidente la Tracia. Questa fu la massima espansione persiana.  
500 a.C Persiani Achemenidi Dario Dario dette una solida organizzazione all'immenso impero imperniata sul decentramento amministrativo, sull'autosufficienza economica delle varie regioni e sulla figura del Sovrano.  
costruì una strada lunga 3000 km tra Susa (Iran) e Efeso (Turchia)  
V secolo Persiani Achemenidi Dario All'inizio del V secolo una rivolta delle città greche sulla costa dell'Asia Minore fu causa del conflitto greco-persiano che coinvolse tutte le principali Polies greche.  
480 a.C. Persiani Achemenidi Serse L'invasione persiana in Grecia fu guidata prima dal re Dario, poi dal figlio Serse, ma fu arrestata dai Greci tra il 490 e il 478 a.c nelle celebri battaglie di Maratona, Salamina, Platea (re Pausania) , Termopili (re Leonida) e del promontorio di Micale sulla costa asiatica.   
478-428 a.c. Greci   Atene/Sparta All'imprevedibile vittoria della Poleis sul gigante persiano seguì un cinquantennio di pace in cui si accentuò la rivalità tra Sparta e Atene.  
Periodo classico della grecia 479-323 a.C.  
        Esse avevano una egemonia territoriale sancita dalla creazione della Lega Peloponnesiaca (Sparta) e della Lega Delio-Attica (Atene)  
460 a.c  Greci   Atene/Sparta Circa nel 460 a.c comparve sulla scena politica ateniese Pericle, l'uomo che avrebbe guidato la città per più di 30 anni.  
460 a.c  Greci   Pericle L'azione politica di Pericle fu costituita da:  
  Greci   Pericle all'interno, allargamento e razionalizzazione della strutture democratiche, sviluppo della cultura e delle arti  
  Greci   Pericle all'esterno, accentuazione della leadership ateniese nella lega Delio-Attica che si trasformò in un impero coloniale ateniese (assicurato prevalentemente dal predominio della flotta)  
446 a.c. Greci   Atene/Sparta La crescente potenza di Atene portò allo scontro con Sparta (1° guerra del Peloponneso) nel 446 a.c. seguita da una doppia pace, con Spartani e Persiani.  
431 a.c. Greci   Atene/Sparta nuovo scontro Atene-Sparta interrotto dalla pace di Nicia nel 421 a.c.  
429 a.c  Greci   Pericle Pericle muore durante una epidemia di vaiolo.  
429 a.c  Greci   Alcibiade Alcibiade successe a Pericle.  
404 a.c  Greci   Alcibiade Alla ripresa della guerra Alcibiade subì una pesante sconfitta dagli Spartani che occuparono Atene e vi posero un governo oligarchico a loro fedele (404 a.c.)  
  Greci Atene   Alla sconfitta segui la crisi di Atene.   
  Greci Atene   Dopo qualche anno segui un tentativo di rinascita della democrazia ateniese che ebbe dannose conseguenze: rimise in giuoco i persiani.  
386 a.c. Greci Atene   I persiani, alleati di Sparta, nel 386 a.c. sciolsero le leghe greche, escluso quella del Peloponneso e imposero il definitivo controllo sulle città greche dell'Asia.  
371 a.c. Greci Tebe   Nel 371 per la prima volta l'esercito spartano veniva sconfitto a Leuttra da quello di una città emergente della Beozia, Tebe.  
  Greci Tebe   Sotto la guida di 2 personaggi di eccezionali capacità Pelopida e soprattutto Epaminonda, Tebe aveva conseguitop una solidità politica, economica e militare che, in un momento di crisi di Atene e Sparta, le consentì di occupare larghi spazi di potere.  
371 a.c. Greci Tebe   Dopo Leuttra i tebani costrinsero Sparta a sciogliere la Lega del Peloponneso.  
362 a.c. Greci Tebe   L'egemonia di Tebe si consolida nel 362 a.c. con la battaglia di Mantinea, in cui sconfisse Sparta e Atene coalizzate.  
  Greci Tebe   Nella battaglia di Mantinea morì Epaminonda e la sua scomparsa decretò l'inizio di un rapido declino di Tebe.  
  Macedonia     I macedoni erano un popolo di agricoltori e di pastori, considerati dai Greci come semi-barbari. Erano governati da un sovrano con poteri militari e da un'assemblea di nobili proprietari terrieri che amministrava lo stato.  
359 a.c. Macedonia   Filippo II Nel 359 a.c. Filippo II sale al trono.  
  Macedonia   Filippo II Filippo organizzò lo stato, intraprese lo sfruttamento delle miniere d'oro macedoni, riorganizzò l'esercito a leva obbligatoria e articolato intorno alla famosa "falange macedone"  
338 a.c. Macedonia   Filippo II Nel 338 a.c a Cheronea, in Beozia, sconfisse una coalizione formata da Tebe, Atene, Corinto e altre Poleis minori.  
  Macedonia   Filippo II Questa coalizione era stata fortemente voluta dall'oratore e politico ateniese Demostene (autore delle famose filippiche).  
  Macedonia   Filippo II Filippo ebbe il predominio su tutta la Grecia continentale e lo esercitò con la creazione della Lega di Corinto, formata da tutte le poleis esclusa Sparta, di cui era capo riconosciuto e incontrastato.  
  Macedonia   Filippo II Fipippo dominatore della Grecia tentò la sortita verso l'impero persianoallestendo una grande spedizione.  
336 a.c. Macedonia   Filippo II Non riuscì a compiere il suo progetto perché nel 336 a.c. fu ucciso in una congiura di palazzo.  
336 a.c  Macedonia   Alessandro Magno a Filippo II successe il figlio ventenne Alessandro. Alessandro diede subito prova di sé annientando una ribellione di città greche e distruggendo Tebe che tale ribellione aveva promosso  
334 a.c. Macedonia   Alessandro Magno Nel 334 a.c. Alessandro riprese il progetto del padre di conquistare la Persia. Partì con un esercito di 45.000 uomini. L'abilità strategica gli consentì di superare la  sproporzione tra le forze persiane e quelle greche sia in terra che in mare.  
  Macedonia   Alessandro Magno Alessandro sconfigge Dario III a Granico (in Frigia) a Isso (in Siria) e difinitivamente a Gaugamela ( sul fiume Tigri) costringendo il re persiano alla fuga.  
  Impero Macedone   Alessandro Magno Liberato il campo dai nemici  Alessandro prosegue la sua marcia verso oriente fino al fiume Indo.  
  Impero Macedone   Alessandro Magno In Alessandro troviamo: - aspirazione all'impero universale, - vastissima cultura letteraria e filosofica, - intenzione di costruire uno stato unitario, sotto un unico monarca, mantenendo le caratteristiche etniche, di lingua, costume, ….  
uccise  il suo amico Cleto (che aveva fatto generale) perché lo accusava di essere diventato troppo persiano  
323 a.c. Impero Macedone   Alessandro Magno Alessandro fece un grosso sforzo per promuovere l'integrazione del suo impero. I suoi sogni di ulteriori conquiste furono stroncati dalla morte avvenuta nel 323 a.c. (febbre maligna, forse malaria) nato nel 356  
  Impero Macedone   Diadochi Dopo la sua morte l'impero si frantumò in tanti regni (detti ellenistici) guidati ciascuno da un ex generale di Alessandro.  
  Regni Ellenistici   Diadochi Dalle continue guerre tra i Diadochi (i successori di Alessandro) emersero 3 stati principali (Siria, Egitto, Macedonia) ed una serie di regni minori.  
  Regni Ellenistici   Diadochi Gli stati ellenistici in genere vissero fino alla conquista romana e furono per lo più ricchi e prosperi.  
321 a.c. Egitto Tolomei Tolomeo riesce a far seppellire il corpo di Alessandro ad Alessandria e questo attribuisce grosso potere alla dinastia tolomea  
321 a.c. Persia  Seleucidi Seleuco generale di Alessandro resta governatore della Persia poi re  
II° secolo a.C. Persia  Parti Mitridate I 160-140 a.C. - i Parti conquistano la Persia  
227 d.C. Persia  Parti   cade l'impero dei parti quando un soldato di nome Ardashir si ribella contro il suo re e lo uccide  
227 d.c. Persia  Sasanidi   discendenti di Ardashir mantengono il potere sulla Perisa fino al 642 quando vene conquistata dagli arabi  
  Età ellenistica     Con età ellenistica si definisce quel periodo che segue la repentina disgregazione dell'impero di Alessandro Magno nei regni dei Diadochi.  Nell'età ellenistica, dopo il periodo della democrazia,  i cittadini divenuti sudditi si allontanarono dalla vita pubblica per concentrarsi sull'attività economica.  
  Età ellenistica     Ne risultò una società di benessere ma non di libertà, di grandi realizzazioni artistiche ma di disimpegno civile degli intellettuali, di sviluppo della iniziativa imprenditoriale ma di caduta dei valori ideali.  
  Età ellenistica     Della grande civiltà greca restavano: - l'aspirazione a conoscere ed indagare i segreti della natura , - la tolleranza, il rispetto della dignità umana, l'universalismo, la lingua comune.   
300 - 200 a.c. Roma     Nel periodo riferibile all'età ellenistica, nell'arco di 1 secolo, dalla fine del 300 alla fine del 200 a.c. Roma si trasforma da potenza italica a potenza mediterranea. Dopo aver definitivamente sconfitto Cartagine si espande ad est in Macedonia e in Siria.  
  India   Asoka Le popolazioni dell'india erano costituite dagli antichi abitatori cui nel 1.500 a.c. si erano aggiunti gli Arii, provenienti dall'altipiano iranico. Gli Arii erano rigidamente divisi in caste impenetrabili. I paria, i più miseri, erano quelli senza casta.  
322 a.C. India Maurya Chandragupta Maurya blocca Alessandro Magno nel Punjab e conquista il regno di Magadha - India Nordorientale  
305 a.C. India Maurya Chandragupta Maurya Sconfigge Seleuco che tenta di invadere l'India  
270 - 232 a.c. India Maurya Asoka  In india regna la dinastia Maurya che raggiunge l'apice dello splendore sotto il sovrano Asoka (270-232 a.c.) che estende i suoi domini su un territorio situato tra il Punjab a Nord e il Sind (pianura dell'Indo) a Sud.  
232 a.C. India Maurya Asoka Asoka si converte al buddismo  
VI - V sec. A.c. India   Buddha Tra la fine del VI e l'inizio del V secolo a.c. un saggio della stirpe Gautama, noto come Buddha (l'illuminato) tentò di correggere una dottrina religiosa che era fonte di angoscia per il timore che incuteva la credenza nella possibilità di reincarnazione in un essere inferiore.  
  India   Buddha La nuova dottrina di Buddha indica una via non facile ma sicura per raggiungere la felicità assoluta ed ebbe ampissima diffuzione in India, Cina, Indocina, Giappone.  
480 d.C. India Gupta   gli Unni travolgono l'ultimo sovrano Gupta  
IV - I millennio A.c. Cina     La civiltà cinese inizia nel IV millennio a.c. e già nel 1.000 a.c. utilizza la scrittura, si dedica alle coltivazione del riso e della seta e si espande soprattutto verso Sud.  
  Cina   Chou All'originari dinastia Shang si sostituiscono i Chou, circa nel 1.000 a.c.. Sotto i Chou i nobili avevano autonomia ed esercitavano sui loro territori un potere assoluto.  
IV - III sec. A.c. Cina   Chou Tra il IV e il III secolo , al declino degli Chou segui un epoca oscura contrassegnata da numerose guerre civili (485-221 a.C. "sette regni combattenti").   
  Cina     In questi anni si diffondono il Confucianesimo e il Taoismo.   
551-479 a.c. Cina   Confucianesimo Il Confucianesimo prende il nome dal saggio Confucio (551-479 a.c.),si rivolge soprattutto ai nobili e ai governanti e predica l'ordine nel sistema politico, la sottomissione dei nobili al re, il ritorno alla legalità dello stato, l'onestà degli amministratori e dei funzionari, l'edificazionne di una nuova società in cui il merito e l'integritàmorale siano i valori prevalenti e premiati.  
  Cina   Taoismo Il Taoismo detto Tao Te Ching, è regolato da un libretto del III secolo a.c. attribuito a Lao Tzu: al contrario del Confucianesimo consiglia il distacco dalla politica che distrae e allontana l'uomo dalla vita semplice della natura. Il Taoismo invita l'uomo ad abbandonare ogni desiderio terreno, annullandosi nella pace dello spirito. (in questo è simile al buddhismo)  
221 a.c. Cina Ch'in Shih Huang-Ti i Ch'in si sostituiscono ai Chou ed ebbero nell'imperatore Shih Huang-ti un grande uomo di stato. In questo periodo fu imposta in tutta la Cina la stessa scrittura. Shih Huang-ti fece inoltre completare la Grande Muraglia che per 3.000 chilometri proteggeva la Cina dai nomadi dell'Asia centrale. Unificò la Cina e creò 36 distretti militari.  
202 a.c. Cina   Han Ai Ch'in nel 202 a.c. succedette la dinastia Han che governò fino al 220 d.c.  
periodo di innovazioni e progressi: compasso, carte geografiche, balestra, carta  
  Cina   Han In questo periodo ci fu un grande impulso della civiltà cinese (carta, sismografo, mulino ad acqua) e della cultura.  
  Cina   Han I Ch'in e poi i Han guidarono l'impero cinese al massimo sviluppo politico e culturale. Furono sostituiti dai T'ang.  
7.000 a.C. Italia     murales in Valcamonica e nei Nuraghi in Sardegna  
1800 a.C. Italia     età del Bronzo - in val Padana cultura delle palafitte e delle terremare  
  Italia     sull'appennino - civiltà appenninica  
2° millennio a.C. Italia     in Sardegna - cultura dei nuraghi  
1.000 a.c. Italia     età del ferro: popolazioni in Italia- Liguri, Veneti, Etruschi, Siculi, Umbri,  
  Italia     Sanniti, Piceni, Sardi, Corsi  
700 a.c. Italia   Etruschi Gli Etruschi erano stanziati in Toscana e nell'alto Lazio ed estendavano   
  Italia     la loro egemonia su tutto il centro Italia  
  Italia     Erano organizzati in città autonome su cui governava un re/sacerdote  
  Italia     detto Lucumone. In seguito fu sostituito da magistrati elettivi.  
  Italia     Sono rimaste molte tracce della loro rilevante religiosità e del  
  Italia     grande culto dei morti.  
754 a.c. Roma   Roma Secondo la tradizione Roma fu fondata nel 754/753 a.c sul colle  
  Roma     Palatino. Si fuse inizialmente con il villaggio di Alba Longa.  
  Roma     Roma subì l'influnza degli Etruschi soprattutto in quanto personaggi  
  Roma     Etruschi si insediarono nei posti di potere della nuova città  
  Roma     Dei famosi 7 re di Roma, molto probabilmente gli ultimi 3 erano Etruschi. (Romolo - Tullio Ostilio - Numa Pompilio- Anco Marzio - Servio Tullio - Tarquinio Prisco - Tarquinio il superbo  
  Roma     Con la decadenza degli Etruschi si ha la nascita della  
509 a.c. Roma     Repubblica Romana periodo dal 509 al 31 a.C.  
  Roma   Roma L'ordinamento della Repubblica Romana deriva da quello delle Poleis greche con i principi della collegialità e della temporaneità.  
  Roma     Il comando è affidato a 2 consoli che restano in carica 1 anno.  
  Roma     Solo i patrizi possono accedere alle cariche più elevate e costituiscono il senato.  
  Roma     Da questo nasce lo storico scontro tra patrizi e plebei.  
367 a.c. Roma     Dal 367 a.c. i plebei sono ammessi a rivestire le massime magistrature repubblicane.  
338 a.C. Roma     acquisice il controllo di tutto il Lazio  
3° secolo a.c. Roma     Scontro dei romani con i sanniti.  
276 a.c  Roma     Taranto, ultima colonia greca dell'italia meridionale chiede aiuto a Pirro - re dell'Epiro, regione della grecia -  contro i Roma.  
275 a.c. Roma   Pirro Dopo un inizio promettente Pirro viene sconfitto e costretto ad abbandonare l'Italia.  
264-241 a.c. Roma     1° guerra punica. Sono dette puniche dal termine Poeni o Puni con cui erano defini i Fenici .  
nel 241 a.C. dopo la conquista dell'Italia continentale, Roma conquista anche la Sicilia  
225 a.c. Roma   Annibale 2° guerra punica. Annibale (247-182) arriva in Italia da Cartagine con i famosi Elefanti ottiene molte vittorie ma non quella definitiva.  
202 a.c. Roma     3° guerra punica. L'esercito romano sbarca a Cartagine, definitiva sconfitta dei cartaginesi a Zama.  
150 a.c. Roma     Guerre vittoriose con la Macedonia e la Siria  
146 a.c. Roma     Distruzione di Cartagine e Corinto  
123-121 a.c. Roma   Tiberio e Caio Gracco Tiberio e Caio Gracco guidano la rivolta della plebe contro i patrizi  
100 a.c. Roma   Mario e Silla Iniziano le lotte tra i grandi personaggi: Mario e Silla, Pompeo e Cesare  
nasce Giulio Cesare  
63 a.C. Roma     Roma conquista la Giudea o regno di Giuda fondato da Giuda Maccabeo nel 168 a.C.  
I romani nel 63 a:C. saccheggiarono Gerusalemme, poi la fecero capitale della giudea romana  
49 a.C Roma   Cesare Cesare porta il suo esercito oltre il Rubicone, fino a Roma senza autorizzazione del senato  
45 a.C. Roma   Cesare viene proclamato dittatore a vita  
44 a.C. Roma   Cesare congiura e uccisione alle idi di marzo  
31 a.C. Roma   Antonio battaglia di Azio, sconfitta e morte di Antonio, vittoria di Ottaviano  
27 a.C. Roma   Augusto Ottaviano originario di Ariccia diventa imperatore:  
definì le frontiere dell'impero: Reno e Danubio in Europa, Eufrate in Asia  
44 d.C. Roma     conquisata della Gran Bretagna sotto l'imperatore  Claudio  
        Nerva, diviene imperatore. Creerà il meccanismo della succesione per adozione  
100 d.C. Alessandria d'Egitto   Tolomeo 100-175 astronomo, disegnò un famoso atlante ripreso da Cristoforo Colombo  
117/138 Roma     Adriano  
138/161 Roma   Antonino Pio Antonino Pio -  30 anni di pace, sviluppo, e inizio della decadenza  
180/192 Roma   Commodo Commodo  
192/236 Roma   Severi Severi  
235 d.c. Roma     uccisione di Alessandro Severo  
50 anni di caos con una succesione di 20 imperatori  
275 d.c  Roma   Aureliano dopo la girandola di imperatori nominati e uccisi Aureliano  
prende il potere e riunifica l'impero che era diviso in 3 tronconi  
Italo-Illirico(greco-slavo) -- Gallie -- Oriente con capitale Palmira  
284/305 d.c. Roma     Diocleziano - soldato dalmata diventa imperatore  
293 d.C. Roma   Diocleziano divide l'impero in 4 con 2 Augusti e 2 Cesari  
300 d.C.  Maya     massimo sviluppo - conquistano la penisola dello Yucatan e Honduras  
306/337 Roma   Costantino Costantino  
306 d.C. Roma   Costantino diventa imperatore e riunifica l'impero  
nel 324 trasferisce la capitale a Costantinopoli  
313 d.c.     Costantino Editto di Milano: concessa libertà di culto a tutti, compresi i cristiani  
325 d.C. Chiesa     concilio di Nicea: i vescovi cristiani si riuniscono per definire i principali dogmi della chiesa  
387 d.C. Chiesa   Agostino sant'Agostino, nato a Tagaste (odierna Algeria - provincia romana della Numidia) nel 354 d.C., nel 387 si converte al crisitanesimo  
391 d.C. Roma   Teodosio pribisce il culto pagano  
408 d.C. Roma   Alarico re dei Visigoti viene fermato pagando un pesante tributo in oro e liberando 40.000 schiavi barbari  
410 d.C. Roma   Alarico conquista Roma e la saccheggia  
451 d.C. Roma   Ezio generale romano (390-454) con un esercito composto da soldati germanici sconfigge Attila e gli Unni e li scostringe ad abbandonare l'assedio di Orleans (Francia), poi li insegue per sconfiggerli di nuovo ai Campi Catalaunici  
fu fatto assassinare dall'imperatore Valentiniano II  
455 d.C. Roma   Genserico 390-477 capo dei Vandali conquisto la penisola iberica, tolse Cartagine ai romani e ne fece la sua capitale, nel 455 saccheggiò Roma e solo l'intervento di San Leone Magno evitò la strage della popolazione e l'incendio della cità  
476 d.C. Roma   Romolo Augustolo ultimo Imperatore d'Occidente viene deposto da Odoacre